Turchia, cultura e società

Vignettista in carcere per vilipendio

in No Censura/Tratti

Il vignettista e fumettista Nuri Kurtcebe è stato arrestato ieri a Yalova, nel nord-ovest della Turchia. L’artista, 69 anni, è stato condannato a un anno, due mesi e quindici giorni di reclusione per vilipendio al presidente della Repubblica Recep Tayyip Erdoğan ed è stato detenuto nel carcere di Yalova. È invece delle ultime ore di oggi la notizia di un possibile rilascio in libertà vigilata.

L’accusa di diffamazione riguarderebbe alcune vignette del periodo 2015-2017 ma, secondo quanto dichiarato alla stampa dall’avvocato di Kurtcebe, Erdem Akyüz, non è chiaro quali siano le illustrazioni incriminate.

Critiche per questa condanna si sono levate dal mondo della caricatura, che oltre a denunciare la violazione della libertà di stampa e di espressione ha espresso apprensione per le precarie condizioni di salute del collega.

Nuri Kurtcebe ha alle spalle una carriera cinquantennale. È stato uno dei fondatori dello storico settimanale satirico Gırgır, nel quale sperimentò le prime storie a fumetti aprendo la strada alla diffusione di questo genere allora sconosciuto in Turchia. È stato fumettista e vignettista di satira politica per alcuni dei maggiori quotidiani nazionali, tra cui Hürriyet e Cumhuriyet, ed è stato insignito di numerosi premi. Più recentemente ha collaborato al quotidiano Aydınlık con una rubrica di satira politica intitolata Ters Köşe, l’angolo opposto.

Latest from No Censura

Vietato diffondere

il distretto di Çukurca in provincia di Hakkari, all'estremo confine sud orientale

Chiuso ufficio LGBTI

Durante la settimana dell’orgoglio di Istanbul l’ufficio SPOD (Associazione per l’Identità Sessuale
Go to Top