Turchia, cultura e società

Festival del cinema delle donne: vietato il film Yeva

in Brevi/No Censura/Schermi

La tappa di Istanbul del Festival itinerante del cinema delle donne  si è conclusa all’insegna di un divieto. Il film Yeva, diretto dalla regista iraniana Anahid Abad, è stato vietato dalla prefettura. Secondo quanto riferito dall’organizzazione del Festival promosso da Filmmor, il governo dell’Azerbaijan avrebbe fatto pressioni sul ministero degli Esteri turco per impedire la proiezione del film, che si sarebbe dovuta tenere il 17 marzo, presso il Centro culturale francese. Il divieto è stato giustificato dalle autorità turche con lo Stato di emergenza che vige nel paese da oltre 19 mesi.

“Il Consolato azero ha prima inviato una nota ufficiale al Centro di cultura francese chiedendo di non mandare il film in visione. Ci risulta che il governo azero abbia insistito sulla questione anche con il ministero degli Esteri turco e addirittura con il ministro degli Esteri. In definitiva, accogliendo la richiesta dell’esecutivo azero la Turchia ha emanato un divieto scritto”, ha spiegato Meral Özman, tra le organizzatrici dell’evento.

Nella dichiarazione alla stampa rilasciata lo scorso sabato, le organizzatrici del Festival hanno spiegato che il film – una produzione armeno-iraniana – avrebbe urtato le sensibilità dello stato azero riguardo alla questione del Karabagh. Le stesse hanno inoltre descritto la trama del film specificando che “parla di una donna che dopo la morte del marito vorrebbe andare all’estero con la figlia, ma è osteggiata dalla famiglia dell’uomo. Per questo si rifugia in un villaggio del Karabagh, dove aveva lavorato durante la guerra come medico”. La contrarietà azera nascerebbe dal fatto che il villaggio del film è armeno. “Questo, secondo il governo azero, creerebbe l’impressione che il Karabagh faccia parte dell’Armenia”, ha affermato Melek Özman.

Le promotrici del Festival hanno aggiunto che per loro è davvero difficile comprendere la sensibilità dimostrata dalle autorità azere, “visto che la questione centrale del film è la lotta di una donna contro il sistema patriarcale e che la sensibilità principale del Festival è proprio quella di non discriminare o ferire alcun paese o popolo”.

Il Festival proseguirà il suo itinerario, con la prossima tappa prevista ad Antalya, tra il 23 e il 25 marzo prossimi.

Latest from Brevi

SineMardin

Si apre il 2 novembre il dodicesimo appuntamento con il Festival Internazionale

Vietato diffondere

il distretto di Çukurca in provincia di Hakkari, all'estremo confine sud orientale
Go to Top