Turchia, cultura e società

Proiezione annullata per La Turchia sull’orlo dell’abisso

in No Censura/Schermi

La polizia ha di fatto impedito la proiezione del documentario La Turchia sull’orlo dell’abisso (Uçurumun kıyısında Türkiye) di Imre Azem. È avvenuto ieri ad Ankara nella cornice del festival Biraradayız (Siamo uniti, 12-17 gennaio), iniziativa voluta da una serie di organizzazioni indipendenti (tra cui comitati di festival cinematografici, portali di informazione, collettivi e ong) allo scopo di creare eventi di aggregazione nonostante i divieti imposti dallo stato di emergenza, in vigore da 18 mesi.

La proiezione del film era prevista all’interno di un dibattito incentrato sullo stato di emergenza e sulla politica di strada. Poco prima dell’inizio la polizia si è presentata sul luogo dell’evento, la İTÜ Evi, sede dell’Unione degli studenti dell’Università Tecnica di Istanbul, per impedirne lo svolgimento. Secondo quanto riportato da İleri Haber, portale di informazione tra i promotori del Biraradayız, la polizia avrebbe minacciato gravi conseguenze in caso di svolgimento del dibattito, costringendo i responsabili della İTÜ Evi a cancellare l’evento.

Poche ore dopo è giunta la notizia della riprogrammazione del dibattito attualmente previsto per sabato 20 presso il caffè letterario A Şiir Evi.

***

La Turchia sull’orlo dell’abisso narra il primo anno di stato di emergenza attraverso le esperienze di quattro attivisti coinvolti da tempo in varie battaglie politiche. Ha debuttato lo scorso luglio a Berlino e a Istanbul. In Italia è stato presentato in anteprima nazionale a Napoli lo scorso novembre nell’ambito della serata di presentazione di Kaleydoskop, alla presenza del regista.

Tags:

Latest from No Censura

Vietato diffondere

il distretto di Çukurca in provincia di Hakkari, all'estremo confine sud orientale

Chiuso ufficio LGBTI

Durante la settimana dell’orgoglio di Istanbul l’ufficio SPOD (Associazione per l’Identità Sessuale
Go to Top