Turchia, cultura e società

  • MenzilAhir-5.jpg
  • MenzilAhir-6.jpg
  • MenzilAhir-7.jpg
  • MenzilAhir-12.jpg
  • MenzilAhir-14.jpg
  • MenzilAhir-15.jpg
  • MenzilAhir-16.jpg
  • MenzilAhir-18.jpg
  • MenzilAhir-19.jpg
  • MenzilAhir-21.jpg
  • MenzilAhir-22.jpg
  • MenzilAhir-23.jpg
  • MenzilAhir-24.jpg
  • MenzilAhir-26.jpg
  • MenzilAhir-28.jpg
  • MenzilAhir-33.jpg
  • MenzilAhir-34.jpg
  • MenzilAhir-35.jpg
  • MenzilAhir-38.jpg
  • MenzilAhir-39.jpg
  • MenzilAhir-40.jpg
  • MenzilAhir-60.jpg
  • MenzilAhir-61.jpg
  • MenzilAhir-62.jpg
  • MenzilAhir-63.jpg

Menzilahir

in Fotoreportage/Schermi

Menzilahir è un quartiere della città di Edirne abitato prevalentemente  dalla comunità rom. Situata in Tracia, Edirne è la città turca  dove si registra la più alta concentrazione di popolazione rom del paese, circa 30mila persone. In Turchia non esistono tuttavia statistiche ufficiali su questa minoranza ma ricerche accademiche e fonti ufficiose stimano che gli appartenenti alla comunità rom contino tra 500mila e 2 milioni di persone. Sebbene la loro condizione sia conseguenza di una storia di oblio e discriminazione, negli ultimi quindici anni sono nate diverse associazioni per il riconoscimento dei loro diritti e  identità. La stessa popolazione ha smesso di auto-denominarsi çingene (zingaro), termine associato a un’identità negativa, per adottare il termine roman. Spesso impiegati in occupazioni precarie e lavori tradizionali, i rom sono uno dei gruppi sociali della Turchia economicamente più svantaggiati. Quello musicale è uno degli ambiti in cui l’identità rom mantiene un carattere particolarmente specifico. Il Roman Havası è infatti un ritmo scandito in 9/8, sempre più apprezzato dalle nuove generazioni. La notte tra il 5 e il 6 maggio si celebra la festa dell’Hıdırellez che ricorda l’incontro sulla terra tra il Profeta Hızır, associato alla primavera e alla rinascita, e İlyas che simboleggia la pioggia. L’Hıdırellez è la festa di buon auspicio per la nuova stagione. Nella zona di Edirne questa festa viene celebrata con il nome di Kakava.

Un fotoreportage di ©Coşkun Aşar

Latest from Fotoreportage

Yayla

Gli altipiani che si estendono alle pendici delle montagne Kaçkar a Rize,

Trasformazione urbana

Istanbul cambia con grande rapidità. Negli ultimi decenni la città ha assunto

Cumartesi anneleri

Dal 27 maggio 1995 ogni sabato alle ore 12.00 le “Cumartesi anneleri”
Go to Top