Turchia, cultura e società

In ricordo di Enver Ercan

in Scritture

Il 22 gennaio scorso è scomparso Enver Ercan, poeta, direttore della rivista letteraria Varlık. Riproponiamo qui il post che gli ha dedicato il blog di poesia turca Defter con una poesia di Ercan tradotta da Nicola Verderame, curatore del blog.


da Defter – Poesia turca contemporanea:

Il mondo della poesia turca è ancora sconvolto dalla notizia della scomparsa del poeta Enver Ercan, il giorno in cui compiva sessant’anni. Nato nel 1958 a Istanbul, Ercan dal 1990 era al timone della più importante rivista letteraria turca, Varlık (Esistenza), dirigeva la casa editrice Komşu, e in passato aveva fondato la rivista Düşün e la casa editrice Korsan, che aveva pubblicato opere importanti dei poeti della generazione degli anni Ottanta. Come poeta aveva pubblicato solo tre opere, delle quali Geçtiği Herşeyi Öpüyor Zaman (Il tempo bacia tutto ciò che attraversa) era stata insignita nel 1997 del premio Cemal Süreya. Le sue poesie più significative affrontano il tema della passione con una lingua che mescola astratto e concreto in modo sapiente. Per ricordarlo, propongo qui la traduzione di una delle composizioni più note. Buona lettura.

A me rivolgi la volta del cielo

In me hai trovato quel che ricercavo
il punto affinato dal nostro abbraccio
prendimi la mano, portami nelle tue vie
colte all’improvviso dal mio temporale

tu vieni a me mentre la sera si brunisce
chissà i vicini cosa ne diranno
ti denudi del giorno per vestirti di me
placano le tue dita ogni bagliore

a me rivolgi la volta del cielo
lascia vagare la fiamma del desiderio
sai, il suono delle tue ali in volo
riassume ogni parola che pronunci

il nostro dio vegli su questa notte

[trad. Nicola Verderame]

 

Gök yüzünü çevir bana

bende bulduğun benim de aradığımdı
sarmaşıp inceldiğimiz o nokta
hadi tut elimden gezdir sokaklarını
ansızın yakalan sağnağıma

akşam kendini karartırken geliyorsun
komşular kimbilir ne diyor
günü soyunup beni giyiniyorsun
parmakların ışıkları dinlendiriyor

gök yüzünü çevir bana
gezinsin tutkunun alevden dili
uçarken çıkardığın o ses var ya
bütün sözcüklerin özeti gibi

tanrı bu geceyi korusun

 

Latest from Scritture

Farfalle bianche

Uno dei divani nel salotto era stato aperto per me, mia nonna
Go to Top