Turchia, cultura e società

  • IMG_3735_ridotta.jpg
  • IMG_4216-copia_ridotta.jpg
  • foto-3.jpg
  • IMG_4518_ridotta.jpg
  • foto-1.jpg
  • foto-2.jpg
  • foto-4.jpg
  • foto-5.jpg
  • YASE6115_ridotta.jpg
  • YASE6169_ridotta.jpg
  • YASE6103_ridotta.jpg
  • YASE0493_ridotta.jpg
  • YASE6418_ridotta.jpg
  • YASE6423_ridotta.jpg
  • YASE6641_ridotta.jpg
  • YASE6698_ridotta.jpg
  • YASE6759_ridotta.jpg

Yayla

in Fotoreportage/Schermi

Gli altipiani che si estendono alle pendici delle montagne Kaçkar a Rize, nella regione del Mar Nero, sono luoghi che in estate vengono temporaneamente utilizzati per l’allevamento del bestiame. Con il termine yayla ci si riferisce infatti ai prati di alta quota che si trovano lì dove l’altitudine non permette più la crescita degli alberi. In passato, il bestiame era troppo ampio per essere allevato soltanto nei villaggi, così per i pascoli venivano utilizzate anche le praterie sugli altipiani. Durante tutta l’estate viene prodotto il burro e il formaggio per l’inverno. Poiché gli altipiani sono generalmente utilizzati da diversi villaggi, non ci sono molte case e alcune famiglie vivono insieme nella stessa abitazione. Qui, durante la stagione estiva, si trasferiscono solamente le famiglie di allevatori. Le case sugli altopiani sono strutture piccole in pietra, di un solo piano e con poche stanze. Di inverno la neve le ricopre completamente e per questo sono molto solide.

Un fotoreportage di © Yasemin Taşkın

Latest from Fotoreportage

Ayıp Şehir

“Un quartiere nel cuore di Istanbul è in corso di demolizione. Le
Go to Top