Turchia, cultura e società

Tendenze editoriali

in Scritture/Società

In un periodo in cui la letteratura turca vive un interesse crescente nell’editoria italiana rintracciamo qui alcuni filoni, ragioni e tendenze di questa apertura alla Turchia. Secondo l’ultimo rapporto dell’AIE (2018 per il 2017) ogni anno in Italia si pubblicano circa 70.000 nuovi titoli stampati ogni anno in 130 milioni di copie. Di questi il…

Leggi tutto

Ahmed Arif – Trentatré pallottole

in Versi

Trentatré pallottole I. Questo monte è il Mengene Quando l’alba si apre al lago Van Questo monte è figlio del Nemrut Quando l’alba si apre davanti al Nemrut Un lato di te è valanga, l’altro è l’orizzonte del Caucaso Un lato è tappeto da preghiera, terre di Persia Un grappolo di ghiacciai sulle vette Sulle…

Leggi tutto

Nel labirinto della memoria con Burhan Sönmez

in Brevi/Scritture

In occasione dell’appuntamento con Burhan Sönmez, all’interno del ciclo Lettere Turche: la Turchia raccontata dai suoi scrittori, riproponiamo la recensione al libro Labirinto scritta da Francesco Marilungo e uscita in originale su Osservatorio Balcani e Caucaso. L’incontro con l’autore si terrà a Napoli lunedì 4 novembre h.17.30 negli spazi della libreria Laterzagorà / Teatro Bellini.  La…

Leggi tutto

I “passages” di Istanbul: la galleria Atlas

in Società/Spazi

Nella storia della letteratura europea, molti scrittori si sono cimentati a descrivere a lungo le gallerie della grandi città europee. “Avessero conosciuto la galleria Atlas, i suoi segreti, i pittori abituali degli anni Novanta, i suoi scrittori, poeti, musicisti e i fautori della cultura underground, le gallerie rivoluzionarie di Parigi sarebbero impallidite.” Con queste parole…

Leggi tutto

A Pınar Selek il Premio della Cultura Mediterranea

in Brevi

Pınar Selek ha ricevuto il Premio della Cultura Mediterranea 2019, sezione Società Civile assegnatole da una Giuria Internazionale. Selek ha dedicato il premio a tutte le donne esiliate come lei, e in particolare “a tutte coloro che non godono di visibilità e – ha dichiarato – a tutte le lucciole che sfidano le frontiere, le fortezze,…

Leggi tutto

Due anni!

in Brevi

Due anni fa lanciavamo Kaleydoskop in rete. Un piccolo esperimento: mettendo insieme passione, conoscenze, contatti, desideri, in sole cinque persone abbiamo provato a far partire la nostra rivista che racconta ogni giorno della Turchia, di ciò che accade fuori dalla luce dei riflettori deformanti della cronaca internazionale italiana. In questi due anni vi abbiamo raccontato…

Leggi tutto

Nilgün Marmara – Tre poesie

in Versi

da Poesie battute a macchina   SALAMANDRA Negli inverni reconditi dell’acqua Nuota lungo i secoli la salamandra cieca. Uno schiavo azzurro lo sa e dà il sonno alla sua ombra Ogni notte alle pareti della grotta. I monti dello schiavo danzano nell’oscurità, Soltanto perché le ali rimangano un sogno, Perché lo schiavo resti solo alla…

Leggi tutto

Ecoattivismo al cinema
Intervista alla fondatrice di BIFED

in Eventi/Schermi/Società

Da sei anni, l’incantevole isola turca di Bozcaada – a pochi chilometri da Lesbo, di fronte alla costa egea del paese – ospita BİFED, Bozcaada Uluslararası Ekolojik Belgesel Festivali, Festival Internazionale di Eco-Documentari. In soli sei anni, il festival è divenuto un’eccellenza nel suo genere, e anche quest’anno  ospiterà, dal 9 al 13 Ottobre, un’interessante selezione di documentari…

Leggi tutto

  • Carbone_11_Yatagan-1.jpg
    Avanzamento della miniera di carbone che fornisce carbone alla centrale di Yatagan; gli uliveti vengono fatti saltare in aria con la dinamite
  • Carbone_10_ex-sindaco-di-Yesilbagcilar.jpg
    L'ex sindaco di Yesilbagcilar all'esterno della sua nuova residenza a Yesilbagcilar nuova; il villaggio che amministrava un tempo non esiste più: metà è stato già dato in pasto all'espansione della miniera di Yatagan, l'altra metà delle abitazioni sono in attesa di essere rase al suolo. Il vecchio villaggio di Yesilbagcilar sparirà dalle mappe geografiche, mentre i residenti, costretti a vendere le proprie case e i propri terreni - a prezzi estremamente bassi - hanno subito un trasferimento forzato in un agglomerato di case costruito dall'ente governativo TOKI. Il rischio è che a breve anche il nuovo agglomerato potrebbe essere demolito, dal momento che è stato tirato su a ridosso della miniera (per la quale è prevista una imminente espansione); i cittadini potrebbero dunque subire un ulteriore trasferimento forzato (o tollerare la possibilità che la miniera si estenda nel sottosuolo, sotto i loro piedi)
  • Carbone_7_Sadik-e-la-sua-famiglia.jpg
    Sadik e la sua famiglia vivono di pastorizia sulle sponde del "lago acido", un invaso formato dagli scarti di lavorazione della centrale di Yatagan la cui acqua viene continuamente ripompata per gli impianti di raffreddamento
  • Carbone_6_Gulseven-e-Tayyibe.jpg
    Gülseven e Tayyibe, due donne simbolo della battaglia contro l'espansione della miniera di Turgut, che fornisce carbone alla centrale di Yatagan
  • Carbone_4_Abitanti-Karacahisar.jpg
    Abitanti di Karacahisar all'esterno della caffetteria
  • Carbone_2_Signora-Karacahisar.jpg
    Un'anziana signora di Karacahisar
  • Carbone_1_Sefik.jpg
    Incontro con Sefik, il muktar di Karacahisar, all'unica caffetteria del villaggio
  • Carbone_3_Discarica-Karacahisar.jpg
    La discarica abusiva alle spalle della centrale di Yenikoy, nei boschi del villaggio di Karacahisar

Scenari di una devastazione carbonifera

in Società

Haluk è un chirurgo oftalmico in pensione. Per tutta la sua carriera ha vissuto nel trambusto di Ankara, ma per il suo buen retiro non aveva dubbi: ciò che più gli stava a cuore era investire parte dei propri risparmi per immergersi completamente nella natura. La Turchia offre non pochi contesti in cui la vita bucolica…

Leggi tutto

1 2 3 9
Go to Top