Turchia, cultura e società

Tag archive

proteste

Barınamıyoruz! Studenti senza alloggi

in Brevi/Società

#Barınamıyoruz (Non riusciamo a trovare casa) è l’hashtag lanciato da un gruppo di studenti universitari che da giorni protestano contro l’aumento esponenziale dei prezzi degli affitti in tutto il paese, specialmente nei centri metropolitani. I prezzi degli affitti a Istanbul sono quasi raddoppiati durante l’estate raggiungendo cifre esorbitanti e proibitive per gli studenti. Così all’inizio…

Leggi tutto

Università del Bosforo: la protesta continua

in Società

“Così com’è arrivato, se n’è andato” (geldiği gibi, gitti). Si può riassumere così la vicenda di Melih Bulu, l’ormai ex-rettore dell’Università del Bosforo (Boğaziçi). Nominato il 2 gennaio per mezzo di un decreto del presidente della Repubblica Recep Tayyip Erdoğan firmato nel cuore della notte, è stato rimosso allo stesso modo nelle tarde ore del…

Leggi tutto

Melih Bulu,
il rettore contestato

in Satira/Tratti

La comunità accademica della Boğaziçi Üniversitesi (Università del Bosforo) è in protesta da un mese e mezzo. Il 1° gennaio Melih Bulu, politico del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) e accademico dal dubbio curriculum, è stato nominato dal presidente della Repubblica Recep Tayyip Erdoğan a capo del prestigioso ateneo. Da allora gli studenti portano…

Leggi tutto

Le proteste pacifiche all’Università del Bosforo

in Società

Pubblichiamo qui un articolo di approfondimento con l’intervista a uno studente dell’Università del Bosforo sulle proteste nel campus e fuori. Il 31 gennaio un gruppo di studenti della Boğaziçi Üniversitesi (Università del Bosforo) di Istanbul, giunto allora al 27° giorno consecutivo di protesta pacifica e nonviolenta di tutto il corpo accademico contro la nomina del…

Leggi tutto

Lettera aperta degli studenti in protesta

in Società

Proponiamo una nostra traduzione della lettera aperta degli studenti in protesta pubblicata il 6 febbraio e circolata attraverso i profili della piattaforma Boğaziçi Dayanışması, rappresentativa delle istanze dei manifestanti. Lettera Aperta al 12° Presidente della Repubblica di Turchia Avevamo già risposto a Melih Bulu con la poesia “Prove poetiche su un provocatore”. Siamo felici che lei,…

Leggi tutto

L’Università del Bosforo difende la sua autonomia

in Società

Da oltre un mese l’Università del Bosforo – la Boğazici Üniversitesi – è in mobilitazione. Le proteste sono cominciate a inizio gennaio dopo la nomina del nuovo rettore da parte del presidente della Repubblica Recep Tayyip Erdoğan, che si è avvalso di un suo potere introdotto con uno dei decreti-legge d’emergenza approvati nel periodo seguito…

Leggi tutto

Il Monte Ida, tra sfruttamento e proteste

in Società/Spazi

A un anno dalla sospensione della concessione alla società canadese Alamos Gold, leader nell’estrazione mineraria di oro, che aveva cominciato i lavori di disboscamento sul Monte Ida, nella provincia di Çanakkale, ripercorriamo le vicende economiche, politiche e ambientaliste che stanno segnando il paesaggio di una delle zone più attive nella sperimentazione di agricoltura sostenibile e…

Leggi tutto

Giù le mani dalla Convenzione di Istanbul

in Società
  • lubunya-cizgiler-istanbul-sozlesmesi-nden-vazgecmiyoruz-3.jpg
  • lubunya-cizgiler-istanbul-sozlesmesi-nden-vazgecmiyoruz-1.jpg
  • lubunya-cizgiler-istanbul-sozlesmesi-nden-vazgecmiyoruz-2.jpg
  • lubunya-cizgiler-istanbul-sozlesmesi-nden-vazgecmiyoruz-4.jpg

İstanbul Sözleşmesi Yaşatır! (Lunga vita alla Convezione di Istanbul). È questo lo slogan di una grande campagna che a partire da questa estate dilaga sul web e nelle strade della Turchia. La Convenzione di Istanbul, abbreviazione per l’accordo siglato come “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle…

Leggi tutto

Le strade sono delle donne

in Brevi/Scritture

Anche quest’anno le donne scendono in piazza per l’8 marzo. La marcia notturna dell’8 marzo (8 Mart Feminist Gece Yürüyüşü), in particolare a Istanbul, ha rappresentato negli ultimi anni una delle manifestazioni di strada più partecipate dell’anno. Anche durante lo stato d’eccezione, nonostante i divieti e la repressione poliziesca, migliaia di donne hanno continuato a…

Leggi tutto

Go to Top