Turchia, cultura e società

  • Carbone_11_Yatagan-1.jpg
    Avanzamento della miniera di carbone che fornisce carbone alla centrale di Yatagan; gli uliveti vengono fatti saltare in aria con la dinamite
  • Carbone_10_ex-sindaco-di-Yesilbagcilar.jpg
    L'ex sindaco di Yesilbagcilar all'esterno della sua nuova residenza a Yesilbagcilar nuova; il villaggio che amministrava un tempo non esiste più: metà è stato già dato in pasto all'espansione della miniera di Yatagan, l'altra metà delle abitazioni sono in attesa di essere rase al suolo. Il vecchio villaggio di Yesilbagcilar sparirà dalle mappe geografiche, mentre i residenti, costretti a vendere le proprie case e i propri terreni - a prezzi estremamente bassi - hanno subito un trasferimento forzato in un agglomerato di case costruito dall'ente governativo TOKI. Il rischio è che a breve anche il nuovo agglomerato potrebbe essere demolito, dal momento che è stato tirato su a ridosso della miniera (per la quale è prevista una imminente espansione); i cittadini potrebbero dunque subire un ulteriore trasferimento forzato (o tollerare la possibilità che la miniera si estenda nel sottosuolo, sotto i loro piedi)
  • Carbone_7_Sadik-e-la-sua-famiglia.jpg
    Sadik e la sua famiglia vivono di pastorizia sulle sponde del "lago acido", un invaso formato dagli scarti di lavorazione della centrale di Yatagan la cui acqua viene continuamente ripompata per gli impianti di raffreddamento
  • Carbone_6_Gulseven-e-Tayyibe.jpg
    Gülseven e Tayyibe, due donne simbolo della battaglia contro l'espansione della miniera di Turgut, che fornisce carbone alla centrale di Yatagan
  • Carbone_4_Abitanti-Karacahisar.jpg
    Abitanti di Karacahisar all'esterno della caffetteria
  • Carbone_2_Signora-Karacahisar.jpg
    Un'anziana signora di Karacahisar
  • Carbone_1_Sefik.jpg
    Incontro con Sefik, il muktar di Karacahisar, all'unica caffetteria del villaggio
  • Carbone_3_Discarica-Karacahisar.jpg
    La discarica abusiva alle spalle della centrale di Yenikoy, nei boschi del villaggio di Karacahisar

Scenari di una devastazione carbonifera

in Società

Haluk è un chirurgo oftalmico in pensione. Per tutta la sua carriera ha vissuto nel trambusto di Ankara, ma per il suo buen retiro non aveva dubbi: ciò che più gli stava a cuore era investire parte dei propri risparmi per immergersi completamente nella natura. La Turchia offre non pochi contesti in cui la vita bucolica la fa da padrona, dove l’antropizzazione è pressoché limitata, il suolo sa essere generosamente fertile, in cui gli stili di vita risultano lenti e genuini, nel pieno rispetto di equilibri atavici e senso di comunità collettiva. Haluk ha comprato un terreno a Suçıkan, che già nella toponomastica denota una scelta mirata: “lì dove emergono le acque”. Suçıkan è una frazione del comune di Karacahisar, 672 abitanti in tutto a circa 20 km dalla città di Milas. «Un paradiso in terra» lo definisce Haluk, «con una lista infinita di specie endemiche che amo catalogare». Suçıkan e Karacahisar sono inserite nell’entroterra di Milas e Muğla, due aree dell’Anatolia sud-occidentale che vivono all’ombra delle più note località balneari di Bodrum e Marmaris, sull’Egeo. Per “fortuna geografica” e per caratteristiche ambientali ne sono in un certo senso il prolungamento, ma purtroppo dagli anni ‘80 questo territorio è stato sacrificato a tre impianti a carbone con relative miniere. 

La centrale di Yatagan in funzione a pieno regime, nelle prime ore del mattino

 

«Qui ho messo su un vigneto, produco diversi tipi di vino» continua Haluk, «ma faccio sempre più fatica a gestirlo; dal mio terreno i camini della centrale non si vedono, ma le conseguenze sono letali: l’aria è pregna di sostanze nocive, così come il fiume che scorre a Suçıkan. Le piogge acide e l’acqua contaminata stanno impoverendo le capacità del terreno».

Haluk, Burhan e Sibel, tre professionisti in pensione che hanno investito nell’area di Suçıkan (Karacahisar); i loro terreni stanno progressivamente perdendo la loro fertilità a causa delle emissioni e delle piogge acide provocate dal vicino impianto di Yeniköy

 

Negli ultimi cinque anni, la Turchia ha intrapreso una scellerata corsa al carbone, in nome di una indipendenza energetica autarchica e in controtendenza con i proclami della comunità scientifica. L’agenda energetica turca pare tutta proiettata allo sfruttamento della fonte fossile maggiormente presente sul territorio nazionale: la lignite, tra le tipologie di carbone peggiori in quanto a qualità, caratteristiche e potere calorifico, le cui risorse accertate ammontano a ben 15,6 miliardi di tonnellate.

Resti del sito di Stratonikeia, a pochi chilometri dalla centrale di Yatagan (in lontananza, il “fungo” dell’impianto); Stratonikeia era tra i centri più vivi dell’antica Caria, candidata a diventare patrimonio UNESCO

 

Il 2014 fu inaugurato dal ministro dell’Energia come “l’anno del carbone”; è l’anno in cui si sono messi in moto tutta una serie di ingranaggi politico-amministrativi tesi a supportare ad ogni costo l’incremento della produzione dell’energia elettrica attraverso la combustione della lignite. Ciò principalmente favorendo le società carbonifere nazionali attraverso privatizzazioni, deroghe e sospensioni sistematiche delle normative ambientali nazionali ed internazionali. In barba all’Accordo di Parigi, firmato anche dal governo di Ankara ma ad oggi non ancora ratificato.

All’interno della miniera afferente alle centrali di Yeniköy e Kemerköy

 

Nell’area di Muğla sono presenti ben tre centrali a carbone: Yeniköy, Kemerköy e Yatağan, sfamate da due miniere la cui grandezza – comprendendo la pianificata espansione – arriverebbe a misurare ben 44mila ettari (ossia circa 69mila campi di calcio). Da queste parti i villaggi non superano i 3mila abitanti, comunità la cui età media è di circa 50 anni, dove non mancano sacche di resistenza ma l’abnegazione e la rassegnazione diventano sentimenti quotidiani. Molti residenti dell’area sono ammalati di tumori di tutti i tipi, e dall’apertura degli impianti le percentuali di ricoveri ospedalieri e di problemi di natura respiratoria e cardiovascolare si sono impennate in maniera preoccupante. Inoltre, la ricca terra sul “parallelo del Mare Nostrum” non dà più i frutti di una volta; molte persone intervistate non esitano a parlare di vero e proprio “genocidio”: «ci affamano per farci abbandonare queste terre, e lasciarle in pasto alla miniera», spiega laconico Burhan, vicino di casa di Haluk che a Suçıkan ha ereditato il terreno del padre. Burhan possiede un uliveto di memecik, una pregiata qualità di olive tipica dell’area; Burhan ama tenerle in barattoli, immerse nel loro olio con l’aggiunta di una fettina di limone. Ad ogni oliva incide un segno con il coltello, garantendo loro uno speciale retrogusto di agrumi. «Eppure le memecik non fanno più presa in queste terre», continua, «ho dovuto sostituire gli alberi di memecik con le olive gemlik [altra qualità turca, dell’omonima area nei pressi di Bursa, ndr]».

Tayyibe sull’orlo di un terreno da poco fatto saltare con la dinamite (lì dove il giorno prima c’era un uliveto)

 

Il prezzo da pagare per una scelta da “secolo scorso” si distribuisce a ventaglio su numerosi aspetti socio-economici, culturali, ambientali e di salute. Per estrarre la lignite si necessita l’ampliamento delle miniere di carbone, e siccome il minerale è presente nel sottosuolo per sole poche decine di metri in profondità, l’espansione necessita di una sempre crescente orizzontalità. A tale scopo, il governo di Ankara non pare si stia facendo particolari scrupoli a sacrificare aree di interesse archeologico (siamo nell’antica Caria, dove sono presenti circa 30 siti archeologici, tra cui i più noti di Stratonikeia e Lagina), ecosistemi e ruralità, con numerosi villaggi già spariti dalle mappe geografiche e tanti altri in attesa di subire la stessa sorte.

L’associazione italiana Re:Common ha seguito le dinamiche legate al carbone turco concentrandosi su quest’area in particolare. L’interesse per le centrali di Milas e Muğla è legato principalmente al ruolo giocato dalla banca italiana UniCredit nel processo di privatizzazione dei tre impianti. I fondi sono infatti arrivati da istituti bancari nazionali e stranieri, e UniCredit si fregia del primato di ente finanziario che ha elargito più fondi al di là dei confini turchi.

Il lavoro di Re:Common è diventato un rapporto scaricabile gratuitamente qui e un video, realizzato con la collaborazione del regista turco Imre Azem dove si approfondiscono sia le dinamiche politico-finanziarie che le tante storie raccolte sul territorio.

[articolo e foto di Dino Buonaiuto / Re:Common]

 

 

 

Latest from Società

Go to Top