Turchia, cultura e società

Category archive

Società - page 2

Apre la galleria d’arte Evliyagil Dolapdere

in Eventi/Società/Spazi/Tratti

La nuova galleria Evliyagil Dolapdere è idealmente il terzo vertice di uno stretto triangolo che non passa certo inosservato, quello dell’arte a Dolapdere, quartiere popolare e conservatore limitrofo ai grandi progetti di trasformazione urbana di Tarlabaşı. Di fronte al nuovo imponente museo d’arte contemporanea Vehbi Koç e alla adiacente galleria d’arte Dirimart aperta nel 2016,…

Leggi tutto

L’arte contemporanea in Turchia: Beral Madra

in Schermi/Società/Spazi

Beral Madra è una curatrice e critica d’arte turca. Ha curato le prime due edizioni della Biennale di Istanbul (1987 e 1989) e cinque padiglioni turchi della Biennale di Venezia. La sua carriera curatoriale include anche diverse mostre collettive internazionali, tra cui Orient Express (Berlino, 1994), Modernities and Memories: Recent Works from the Islamic World…

Leggi tutto

12 anni dalla morte di Hrant Dink

in Cartolina Sonora/Società/Suoni

Il 19 gennaio scorso è stato commemorato il 12° anniversario dell’assassinio del giornalista turco armeno Hrant Dink. Come ogni anno, di fronte alla redazione del giornale Agos, di cui Dink era direttore, proprio dove venne assassinato nel 2007, si è riunita una folla di centinaia di persone per ricordare il giornalista e chiedere giustizia e risposte…

Leggi tutto

Un viaggio invernale

in Società
©GülerEmektar

In occasione del dodicesimo anniversario della morte del giornalista armeno Hrant Dink riproponiamo un testo della scrittrice Aslı Erdoğan che lo ricorda. Esco per le strade dopo che la folla si è dispersa, nel “buio dolente” della sera… In città è stata tagliata l’elettricità, cammino lungo strade che ho l’impressione di non aver mai visto…

Leggi tutto

Candy Crush in Metrobus

in Racconto/Scritture/Società

Ho trascorso i migliori anni della mia vita giocando a Candy Crush in metrobus. Record dopo record ho consumato di nostalgia diversi iPad. Non sono mai sceso alla fermata di Ayvansaray. Sono sempre sceso a Beylikdüzü.

Leggi tutto

Tango queer. Intervista a Faysal Tekoğlu

in Società/Spazi

Il tango queer è un tango che elude ogni convenzione di genere … è arrivato in Turchia grazie a Faysal Tekoğlu … che nel 2008 ha organizzato le prime lezioni nella sua città adottiva. Da allora il tango queer si è ritagliato uno spazio nel panorama del ballo e soprattutto nell’attivismo …

Leggi tutto

Kuir Fest, ritorna il festival Queer

in Eventi/Eventi in corso/Società

Si apre la sera del 24 gennaio a Istanbul la 8a edizione del Kuir Fest con la proiezione del documentario Love/Scott del 2018 della regista canadese Laura Marie Waine dedicato al musicista Scott Jones, vittima di un’aggressione omofoba.   Il festival proseguirà fino al 27 gennaio e si terrà in diversi luoghi di Istanbul: al Centro di…

Leggi tutto

Gli spavaldi della letteratura turca

in Scritture/Società

Afili Filintalar (Pompose Carabine) è il nome di una banda di liceali che terrorizzano i professori ne Il Dilemma del Baro, primo romanzo di Murat Menteş. Oltre 100.000 copie vendute in tredici anni. Afili Filintalar è anche il nome di un gruppo di scrittori nati tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Ottanta che scuotono l’editoria turca.

Leggi tutto

Pınar Selek a Genova

in Eventi/In Italia/Società

La scrittrice e sociologa Pınar Selek, docente di sociologia all’Università di Nizza, già ospite alla fiera Più Libri Più Liberi di Roma lo scorso dicembre, sarà a Genova giovedì 10 gennaio per un doppio appuntamento. Dalle 10h30 alle 13h00 al Dipartimento di scienze della formazione dell’Università di Genova terrà un seminario dal titolo “Genere e…

Leggi tutto

La matita spezzata di Zehra Doğan

in Società/Tratti
  • zehra3.jpg
    Senza titolo, acrilico, giornale su tela, 116 x 90 cm Titoli leggibili: Attenzione alla lista di elettori. Allerta per le frodi prima del referendum. Tutti i mezzi sono buoni per il presidenzialismo. Non saremo mai più liberi.
  • zehra4.jpg
    Senza titolo, acrilico su giornale, 104 x 56 cm Titoli degli articoli leggibili: Iniziato illegalmente e terminato illegalmente. “Mio figlio è stato il giornalista degli oppressi” In prigione resistenza dopo la deportazione

Condannata per un disegno che esponeva le distruzioni dell’esercito turco, l’artista curda Zehra Doğan ha continuato a esprimersi con ogni mezzo durante la detenzione. Ma il trasferimento in un carcere militare fa temere il peggio a coloro, da Ai Weiwei a Banksy, che si sono mobilitati per lei. 

Leggi tutto

Go to Top