Turchia, cultura e società

Tag archive

repressione

Le proteste pacifiche all’Università del Bosforo

in Società

Pubblichiamo qui un articolo di approfondimento con l’intervista a uno studente dell’Università del Bosforo sulle proteste nel campus e fuori. Il 31 gennaio un gruppo di studenti della Boğaziçi Üniversitesi (Università del Bosforo) di Istanbul, giunto allora al 27° giorno consecutivo di protesta pacifica e nonviolenta di tutto il corpo accademico contro la nomina del…

Leggi tutto

Lettera aperta degli studenti in protesta

in Società

Proponiamo una nostra traduzione della lettera aperta degli studenti in protesta pubblicata il 6 febbraio e circolata attraverso i profili della piattaforma Boğaziçi Dayanışması, rappresentativa delle istanze dei manifestanti. Lettera Aperta al 12° Presidente della Repubblica di Turchia Avevamo già risposto a Melih Bulu con la poesia “Prove poetiche su un provocatore”. Siamo felici che lei,…

Leggi tutto

Grup Yorum: battaglia per la libertà e per la vita

in Brevi

Aggiornamento: purtroppo a un giorno dalla notizia riportata di seguito, il bassista Ibrahim Gökçek ha perso la vita. Ibrahim non ce l’ha fatta e ha seguito le sorti della cantante Helin Bölek. Il Grup Yorum ha così perso nel giro di un mese due dei sui membri, altri sono in esilio e altri ancora restano in carcere.…

Leggi tutto

L’emergenza COVID-19 nelle carceri

in Società

Dai primi giorni in cui si è cominciato a parlare di CoVid-19 in Turchia l’attenzione di molti è andata alla situazione delle carceri. Il sovraffollamento dei 359 istituti di pena presenti in tutto il territorio turco ha raggiunto infatti il 127% con un totale di 257 mila condannati e 43 mila prigionieri. Tra questi anche giornalisti,…

Leggi tutto

In memoria di Helin Bölek, cantante del Grup Yorum

in Società/Suoni

Grup Yorum, lo storico gruppo musicale della sinistra in Turchia si trova in questi giorni a vivere una delle pagine peggiori della sua lunga storia caratterizzata da arresti, repressione e tortura: la perdita della cantante Helin Bölek dopo 288 giorni di sciopero della fame. Fondato nel 1985 da quattro giovani universitari, Grup Yorum è uno…

Leggi tutto

Proibito dire No alla guerra

in No Censura

Da oggi, 3 marzo 2020, per dieci giorni a Istanbul è vietato dire ‘No alla Guerra’. Lo ha deciso il prefetto della metropoli specificando che non è possibile organizzare: cortei, manifestazioni, azioni di volantinaggio, affiggere manifesti, raccogliere firme e ogni azione che critichi l’operazione militare in Siria. Secondo le parole del prefetto queste azioni potrebbero…

Leggi tutto

Go to Top